News

BUON ANNO, BUON 2018 !!!

1 Gen 2018

La cosa più difficile al mondo è assumere lo stato d’animo di un guerriero. Non serve a nulla essere tristi, lagnarsi e sentire di essere giustificati nel farlo, credere che qualcuno ci faccia sempre qualcosa. Nessuno fa nulla a nessuno, tanto meno a un guerriero.

Auguro a tutti gli Allievi della Scuola SAN BAO ed a tutti le persone che ci seguono con il loro Affetto un Anno ricco di Cose, belle o brutte, tristi o gioiose, perchè vivere gli accadimenti che la vita ci pone innanzi è comunque segno che stiamo Vivendo…Evviva la Vita !!!

Vi ricordo che le lezioni per il nuovo Anno 2018 riprenderanno con il Seguente Calendario secondo le Sedi sotto indicate:

Sede Centrale Terni
Mercoledì 3 Gennaio 2018

Le Lezioni si svolgeranno, per la prima settimana, solo fino alle ore 20.30.
Quindi mercoledì 3 Gennaio si svolgeranno le seugnti Lezioni:
Ore 18: Meditazione
Ore 19.30: Wing Chun
Ore 20.30 Chiusura

Sede di Perugia
Giovedì 4 Gennaio 2018

Con il Corso di Wing Chun al Pellini ed il Corso di Kung Fu Bambini di Deruta; il 5 Gennaio Riprendono i Corsi di Tai Chi e Kung Fu Bambini al Pellini.

Sede di Roma
Lunedì 8 Gennaio 2018

Sede di Gubbio
Martedì 9 Gennaio 2018

Sede di Spoleto
Martedì 2 Gennaio 2018

Ed infine vi voglio “regalare” per il nuovo Anno la “Tecnica dei 101 Desideri“…di cosa si tratta?

E’ una tecnca molto antica che permette di conoscerci meglio e realizzare i nostri Desideri più Veri.

Il primo passo consiste nello scrivere 150 desideri. Vedrai che non sarà facile e questo può richiedere davvero molto tempo…
Se ti dovessi scoraggiare, pensa che un adulto medio non è in grado di esprimere più di 10 desideri alla volta. Capirai che il passaggio dal decimo al centocinquantesimo non sarà certo immediato. Non ti preoccupare. Abbi pazienza e ricorda che questa tecnica ti aiuterà a conoscerti, quindi nel solo tentativo di farla, ci avrai già guadagnato.
Il secondo passo (una volta giunti a quota 150) consiste nel depennare 49 desideri in modo tale da ottenere il fatidico numero di 101.
Per scrivere i 150 desideri, utilizzerai un quaderno “di brutta”; non appena avrai deciso quali togliere, copierai i 101 rimanenti su un nuovo quaderno, in bella copia.

 Per scrivere i Desideri ci sono però delle Regole:
1- Ogni desiderio inizia con la formula “io voglio”
Non usare formule tipo “vorrei” o “desidero” et similia. Io voglio seguito dall’oggetto/situazione delle tue brame. Perché? Perché l’Universo è molto attento. Se dici che “vorresti” una certa cosa, ovvero usi un condizionale, l’Universo potrebbe capire che non la desideri poi così tanto. E, magari, metterla in fondo alla lista. Meglio evitare e scrivere un bel “io voglio”, senza preoccuparsi della famosa erba voglio che “non cresce neanche nel giardino del re”.
2- Nei desideri non deve comparire la parola “non”.
Al posto di dire “non voglio ammalarmi” scrivi “voglio essere sano”. Il motivo è che l’inconscio non conosce la parola “non”. Anche forme che includono negazioni nelle parole (tipo “incolume”) sono sconsigliati; al posto di dire “voglio rimanere incolume”, si può optare per “voglio essere sano”.
3- Non chiedere denaro.
Il motivo di questa terza regola è che i soldi sono un mezzo per ottenere ciò che vogliamo. Se desidero una casa, non ha senso chiedere i soldi per comprarmela. Potrebbe esserci un’improvvisa e inaspettata svalutazione, potrei perdere i soldi o doverli usare per qualcosa di più urgente. Chiedi direttamente ciò che vuoi.
4- Ogni desiderio deve essere espresso tramite massimo 14 parole
Scrivi “io voglio”  + non più di altre 12 parole. I motivi sono due, entrambi interessanti. Il primo consiste nel fatto che quattordici parole sono, più o meno, quelle che compongono un respiro, con una sola inspirazione riusciamo a dire 14 parole; ed il respiro, è vita. L’altra ragione risiede nel fatto che, quando dobbiamo tergiversare ad esprimere un concetto, in genere, significa che non siamo sicuri. Prova a pensare adesso alla cosa che desideri più di ogni altra…hai bisogno di un lungo discorso composto da decine di vocaboli o riesci a dirla tutta in una frase?
5- Non fare paragoni
Ricorda che stiamo parlando di una tecnica che oltre ad aiutarti a realizzare ciò che vuoi ti aiuterà a conoscerti. Attraverso la ricerca dei desideri conoscerai meglio te stesso, dunque conoscerai i tuoi desideri, proprio i tuoi e quelli di nessun altro. Non ha senso quindi desiderare la fama di Tizio o una ragazza bella come quella di Caio. Chiediti prima che cosa vuoi per davvero, immaginane i dettagli e poi chiedi.
6- Non scrivere desideri in serie…
…ovvero, copie uno dell’altro, dove cambia magari il modello o l’ambientazione di ciò che vuoi. Per fare alcuni esempi pratici, se sei un musicista, non chiedere una Chitarra Gibson, poi una Ibanez, poi Fender ecc. Inizia col chiedere la chitarra che più desideri tra queste ed aspetta che si compia quel desiderio.
7- Chiedi per te stesso e non per gli altri
L’idea è che ognuno di noi è responsabile del proprio destino. Non è bene interferire con le storie degli altri. Anche perché potresti prendere un abbaglio. Se sei una madre e chiedi una promozione per tuo figlio a scuola, non saprai mai che corso prenderebbe la sua vita nel caso di una bocciatura. Così come nel desiderare che un nostro amico ottenga magari quel posto di lavoro…e se invece lui avesse bisogno di uno diverso? Forse ti starai chiedendo come comportarti nel caso in cui hai un amico o famigliare malato. Semplicissimo: fagli conoscere questa bella tecnica!
8- Non chiedere una relazione con una persona specifica.
Si tratta dello stesso motivo di prima: non è bene interferire con le storie degli altri. I filtri d’amore lasciamoli alle fattucchiere. Noi concentriamoci su chiedere il rapporto che vogliamo.…chiedi piuttosto una relazione appagante e soddisfacente, la persona che arriverà, sarà automaticamente quella giusta! 
9- Evitare desideri generici
“solo desideri verificabili” e precisi, non generici; non usare espressioni generiche tipo “voglio essere buono”, bensì, spiegare esattamente come e facendo cosa riusciamo ad essere buoni.
10- Niente vezzeggiativi o diminutivi
Non chiedere cioè una “casetta” perché il rischio è di…vedersi recapitare…il modellino di una casa!!! Esprimiamo bene il nostro desiderio!

Bene, a questo punto avrai i tuoi 101 desideri, scritti secondo le regole, in bella copia su un bel quaderno…cosa fare adesso ?
Si tratta ora di leggerli una volta al giorno per un anno. 
Nel momento in cui un desiderio si realizza, lo potrai sostituire con uno preso dai 49 esclusi, o con uno nuovo. E via, avanti, verso il compimento di tutti e 101!

Buon Anno e Buona Fortuna

SiFu

A.S.D. SAN BAO | ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA AFFILIATA U.S. ACLI
INGRESSO ED ATTIVITÀ RISERVATE AI SOCI
Sede: Via Aldo Bartocci, 21 - 05100 Terni - Italia © 2005